Maggio in poltrona

Buon pomeriggio cari lettori!

Vi ricordo che su FB è attiva la challenge letteraria del blog, la BOOK CHALLENGE ORIENTALE 2021. Ogni mese vi do un suggerimento di lettura, chi propone il libro più interessante vede la sua recensione pubblicata sulla pagina!

Dalla Corea:

-Storie dalla Corea, racconti di autori vari

Dal mondo:

-Drago di giada di Mariarosaria Guarino

-L’azienda di Serena Lavezzi

-Una rosa sola di Muriel Barbery

Dal Giappone:

-Il paese delle nevi di Kawabata Yasunari

-La tigre di Kume Masao (racconto online)

-Nella macchia di Akutagawa Ryunosuke (racconto online)

-Così triste cadere in battaglia di Kakehashi Kumiko

-Guanciale d’erba di Natsume Soseki (Vincitore BOOK CHALLENGE ORIENTALE)

Aprile, profumo di libri!

Buongiorno cari lettori!

Vi ricordo che su FB è attiva la challenge letteraria del blog, la BOOK CHALLENGE ORIENTALE 2021. Ogni mese vi do un suggerimento di lettura, chi propone il libro più interessante vede la sua recensione pubblicata sulla pagina!

Dal Giappone:

-Il fucile da caccia di Inoue Yasushi

-Amore di Inoue Yasushi

-I gatti non ridono di Mukai Kosuke

-Abbandonare un gatto di Murakami Haruki (Libro vincitore della BOOK CHALLENGE ORIENTALE di Aprile)

Dal mondo:

-Kowloon moon di Delos VeronesI

-Neve su un campo di more di Serena Lavezzi

-Haiku e alchimia di Rita Cerimele

Dalla Cina:

-I mattoni della rinascita di Han Song

-Montagne e nuvole negli occhi di Wu Ming-yi

Febbraio, profumo di libri!

Buon primo marzo cari lettori! Per me il mese appena passato è stato davvero intenso per quanto riguarda le letture. Il vostro?

Ecco a voi tutti i libri recensiti sulla pagina facebook di Penne d’Oriente :). Vi ricordo che su FB è attiva la challenge letteraria del blog, la BOOK CHALLENGE ORIENTALE 2021. Ogni mese vi do un suggerimento di lettura, chi propone il libro più interessante vede la sua recensione pubblicata sulla pagina! Un caro abbraccio

Dal Mondo:

-Katakura Gennosuke Indagini e Dolcetti di Fosco Baiardi.

-La guerra del Pacifico di Bernard Millot

-Night rain di Aurora Gioli

-L’ombrello dell’imperatore di Tommaso Scotti (Libro vincitore della BOOK CHALLENGE ORIENTALE 2021)

Dalla Cina:

-Sotto cieli rossi di Karoline Kan

-La contrada natale dei sogni di Yang Wanli

-A modo nostro di Chen He

Dal Giappone:

-Un fiore solo e altri racconti di Imanishi Sukeyuki

-Nichirin L’Astro solare di Yokomitsu Riichi

-Quando cadrà la pioggia tornerò di Ichikawa Takuji

-Nero su bianco di Tanizaki Jun’ichiro

-Rasho-mon di Akutagawa Ryunosuke

Gennaio libresco!

Buongiorno cari lettori! Anche oggi vi porto indietro nel tempo con tutte le recensioni uscite nel mese di gennaio sulla pagina facebook di Penne d’Oriente 🙂

Questo mese abbiamo ancora superato quota 150 libri recensiti. Spero sia stato un bel viaggio e che continuiate a rimanere al mio fianco!

Dal Giappone:

-Cent’anni di racconti dal Giappone, autori vari

-Grotesque di Natsuo Kirino

-Azami di Aki Shimazaki

-Hagakure di Yamamoto Tsunetomo

-Il libro dei cinque anelli di Miyamoto Musashi

-Sotto il sole di mezzanotte di Higashino Keigo

-Un litro di lacrime di Aya Kito (Libro vincitore della BOOK CHALLENGE ORIENTALE 2021)

Dalla Corea:

-Notti invisibili e giorni sconosciuti di Bae Suah

Dal Mondo:

-Tramonto a Oriente di Federico Galdi

-Un club molto privato di Sendi Grilli

Dalla Cina:

-L’Arte della Guerra di Sun Tzu

-Tao te ching. Il libro della Via e della Virtù

-Le signore di Shanghai di Jung Chang

Novembre: mese di libri!

Buongiorno lettori💙💟📙 ecco qua tutte le recensioni uscite a novembre sulla pagina facebook Penne d’Oriente. Li avete già letti tutti questi libri?

Dal Giappone:

-Doll di Yamashita Hiroka

-Il bacio di fuoco di Masako Togawa

-Una lenta nave per la Cina di Furukawa Hideo

-Hotel Iris di Yoko Ogawa

-Le quattro casalinghe di Tokyo di Natsuo Kirino

-La ragazza del Kyushu di Matsumoto Seicho

-Otogizoshi: fiabe giapponesi di Dazai Osamu

Dal mondo

-Giappone manuale fotografico di National Geographic

-Guerra di Corea di Steven Hugh Lee

-Hiroshige libro della collezione dell’Ota Museum of Art di Tokyo

-Fukushima di Alessandro Farruggia

-Trentatré Haiku di Basho e Ernesto Morales

Alle prossime letture! Un abbraccio!

October’s Reviews

Buongiorno lettori! Come state?

Per me continua il periodo più bello dell’anno, adoro l’autunno e l’avvicinarsi dell’inverno, le foglie rosse, i panorami suggestivi, le felpe calde, la cioccolata fumante davanti a un ottimo libro 🙂 e voi? Quale è la vostra stagione preferita?

Io intanto vi tengo compagnia con le recensioni uscite sulla pagina facebook Penne d’Oriente nel mese di ottobre, nel caso ve le foste perse. Buona lettura!

Dal mondo:

-Due racconti brevi ambientati in Giappone al tempo dei samurai di Caterina Franciosi

-In cucina con Banana Yoshimoto di Barbara Buganza

-Pyongyang paranoica di Federico Ticchi

-Talkin China di Angela Pascucci

Dalla Corea:

-L’altra faccia di un ricordo oscuro di Yi Kyunyong

Dal Giappone:

-Pioggia sul viso di Natsuo Kirino

-Le storie del negozio di bambole di Yasumi Tsuhara

-La fine dell’estate di Harumi Setouchi

-Il magico potere del riordino di Marie Kondo

-Bellezza e tristezza di Kawabata Yasunari

-Loop di Suzuki Koji

-Silenzio di Shusako Endo

-La formula del professore di Yoko Ogawa

Libri in lettura ad agosto…e buone vacanze!

Buongiorno lettori! Inizia agosto, il mese più vacanziero. Quest’anno sono riuscita a ritagliare pochi preziosi giorni per cambiare aria e scrivere con la vista sul mare. Un privilegio che spero di godermi a pieno.

Detto questo, Penne d’Oriente non si ferma. Continueranno le recensioni con cadenza settimanale e le letture per voi proseguono senza sosta e i prossimi libri che ho in lista da leggere e raccontarvi sono:

  • Le figlie del mare di M. L. Bracht
  • Talkin China di A. Pascucci
  • Il ciliegio del mio nemico di T. Wang
  • Kim Jonh-Un. Il nemico necessario di L. Napoleoni

Due saggi, di cui una raccolta di articoli giornalistici e una biografia, affiancati da due romanzi storici. Non vedo l’ora di iniziarli per poter condividere con voi le mie impressioni.

Voi andrete in vacanza? Che letture vi aspettano? Io mi porterò al mare un paio di libri e chissà, magari sbircero’ in qualche libreria del posto. Le letture acquistate lontano da casa, in vacanza, rimangono speciali a lungo. Vi terrò aggiornati sulla pagina facebook Penne d’Oriente!

Buona lettura…sotto l’ombrellone, in rifugio montano, seduti al café di una via trafficata. Ovunque siate, leggete sempre!

Le origini del male. You-jeong Jeong

Buon inizio settimana lettori, vi auguro un piacevole agosto! Oggi seguitemi, andiamo in Corea con uno dei miei thriller preferiti: “Le origini del male” di You-Jeong Jeong.

Yu-jin soffre da anni di gravi attacchi epilettici, peggiorati dopo la morte del padre e del fratello. Deve prendere quotidianamente la sua dose di farmaci, non senza effetti collaterali poco piacevoli, come emicranie e vuoti di memoria. Yu-jin vive con la madre, guardiana delle sue giornate e molto attenta alla sua salute.

Nella sua vita fatta di privazioni ed emozioni blande c’è però un’unica cosa che lo soddisfa, un segreto solo suo. La notte, dopo che la madre si è addormentata, sgattaiola fuori casa per andare a correre.
Una mattina, però, si sveglia e trova il cadavere brutalmente assassinato della donna. Sotto shock cerca di capire cosa possa essere accaduto mentre lui era fuori, durante la notte. Non ha ricordi del suo ritorno a casa né di aver sentito rumori sospetti.


Non fa neanche in tempo a ragionare lucidamente che il telefono inizia a squillare. Prima la zia che vuole parlare con sua sorella, poi il suo amico d’infanzia che ormai da anni abita con loro e sta per tornare a casa.
Inizia un viaggio lunghissimo per Yu-jin, che dovrà ritrovare il controllo della sua memoria e scavare nei ricordi, l’unico modo per risolvere il giallo dell’omicidio della madre. Chi è stato? E perché? Cosa nascondono gli altri?

Un romanzo dalle atmosfere claustrofobiche, pulsanti, degne dei migliori thriller. Uno dei miei libri preferiti, una prosa perfetta e colpi di scena risolutori. Lo consiglio a chi ama i gialli e vuole addentrarsi in ambientazioni inedite.

Buona lettura!

Penne d’Oriente sbarca su YouTube!

Buon martedì lettori! Oggi facciamo una piccola pausa dalle recensioni, voglio parlarvi di un progetto a cui tengo molto e che troverete concretizzato in un’intervista. Ma partiamo dal principio.

La settimana scorsa, attraverso questo blog, vengo contattata da Riccardo. Viaggiatore, amante dell’Oriente, videomaker, gestore dei canali e podcast Monkey Rises. Mi dice che gli piace Penne d’Oriente e vorrebbe intervistarmi.

Iniziamo a sentirci e raccontarci assiduamente, finché non mi manda le sue domande. Quindici per l’esattezza, una più originale dell’altra. La sua intervista mi ha ispirato molto e mi ha spinto a rievocare Serena, la mia passione viscerale per la lettura, la mia storia e quella del blog. È stato un bel viaggio nel tempo per me, non privo di emozioni importanti.

Sono molto felice di essere riuscita a trasmettere le mie passioni con genuinità e ardore. Sono rimasta piacevolmente colpita dal risultato finale, anche grazie all’editing puntuale e creativo di Riccardo che ha trasformato le mie parole scritte in un vero video dedicato a Penne d’Oriente. Una veste inedita per noi.

Condivido con voi questa bellissima esperienza, nella speranza che ritroviate anche il vostro amore per i libri come è successo a me, ascoltando le mie parole. Voi sapete che questo blog è nato per diletto, per pura passione e che piano piano si è trasformato in un luogo di scambio continuo. Grazie a voi.

Ringrazio Riccardo e il suo canale Monkey Rises per l’iniziativa, la volontà e lo slancio curioso che lo ha spinto a volermi conoscere.

Vi lascio il link della video intervista, fatemi sapere cosa ne pensate lettori e buona giornata! Penne d’Oriente

Min Jin Lee. La moglie coreana

Buongiorno lettori!

Una saga famigliare è un buon modo di descrivere questo romanzo, ma c’è molto di più. L’affresco puntuale, ricco di particolari, pulsante della Corea e del Giappone nel secondo dopoguerra. Culture, lingue, pensieri, tradizioni che si mescolano fino a confondersi.


Una giovane, rimasta incinta di un manigoldo, viene chiesta in sposa da un uomo coreano come lei, un pastore cristiano, diretto a Osaka dal fratello. Per la ragazza si tratta di uno stravolgimento totale della sua esistenza, lascia la madre e parte verso l’ignoto. In Giappone i coreani sono accettati, sopportati ma non amati e la vita delle due famiglie sotto lo stesso tetto, in un quartiere più che povero, sarà costellata di ristrettezze. Saranno grandi anche le gioie, nasceranno bambini, le cognate metteranno su una vendita di kimchi casalingo al mercato. Questa ed altre le mille vicende narrate nel corso del libro.
Partendo dai nonni della protagonista si arriverà al racconto dei suoi stessi nipoti.


Una parabola meravigliosa come il sorgere e tramontare del sole.
Un libro stupendo che ho amato sin dalle prime righe, uno dei pochi che tratta l’argomento del rapporto storico tra questi due paesi vicini ma molto diversi. Consigliatissimo.