Buongiorno cari amici. Oggi vorrei che mi faceste compagnia in un articolo diverso dal solito, che spero vi coinvolga in una questione che mi sta particolarmente a cuore. Sui libri esistono molte leggende metropolitane….

books-1578589_960_720I lettori scelgono un romanzo dalla copertina. Altri leggono le prime righe, qualcuno forse sbircia anche il finale. C’è chi legge soltanto ebook e chi non tradirebbe mai la carta stampata, il profumo di un libro usato, il peso di cinquecento pagine tra le mani (facile capire da che parte sto io :p). Certe persone amano comprare in libreria, trascorrendo ore tra gli scaffali, scegliendo e soppesandoli tra le mani; qualcun altro predilige fare i suoi acquisti letterari online e attendere con ansia l’arrivo del postino o del corriere. E l’infinita storia dei segnalibri: usarli, collezionarli, “fare le orecchie” direttamente alla pagina, infilare in mezzo a un libro vecchie cartoline, biglietti del treno, foglietti volanti, post-it, articoli di giornale, fotografie. Chi prima di comprare legge tante recensioni per essere sicuro di non sbagliare acquisto e chi non vuole conoscere l’opinione di nessuno e si fida solo del suo sesto senso. E chi legge solo a letto, chi dappertutto ogniqualvolta ha dieci minuti liberi, seduto oppure sdraiato, con la musica o nel silenzio più assoluto. Alcuni lettori accompagnano le loro letture con tè caldo, caffè, frullati di frutta, vino, un amaro o magari facendo colazione, dopo cena o mentre mangiano.  Insomma ogni lettore ha le sue abitudini e la sua routine di lettura.

La mia per esempio rimane quella di godermi una libreria senza fretta, di collezionare e usare i segnalibri più belli che mi capitano per le mani. Mi piace leggere facendo colazione appena sveglia o prima di andare a dormire, nella bella stagione mi ritrovo sovente sulla sdraio in giardino o sotto il gazebo. Mangiando, bevendo, ci sono mesi in cui leggo un libro dietro l’altro senza sosta e altri in cui mi sento più sazia e vado al rallentatore. Le mie abitudini non sono granché cambiate da quando ho iniziato a leggere, quindici anni fa o qualcosa di più. Scelgo i libri dal titolo, dalla copertina e dalla quarta di copertina, raramente arrivo a leggere le prime righe e mai butterei un occhio indiscreto alle ultime. Non saprei dire quali storie mi affascinano di più rispetto a tante altre belle, potenzialmente valide. E’ una questione di chimica, immagino.

ants-1730011_960_720

E voi amici? Che tipo di lettori siete? Cosa vi colpisce in un libro, e vi spinge a scartare quello affianco (che siano su una pagina web o su una mensola)? Qual è il vostro rituale di lettura, se ne avete uno? Quali sono le storie che vi attraggono di più, c’è una logica dietro alle vostre scelte letterarie? Vorrei saperlo e spero mi risponderete nei commenti.

Perché vi faccio tutte queste domande, mi chiederete. Ci sono almeno un paio di ottimi motivi. Prima di tutto perché mi piace coinvolgervi in questo blog, che ormai è una parte importante della mia vita. Apprezzo tantissimo i vostri commenti e suggerimenti, li leggo sempre con piacere e spero di creare con voi lettori un rapporto sempre più stretto. Conoscervi, condividere, imparare da voi, leggervi. Questi sono i motivi per cui vorrei che rispondeste alle mie domande 🙂 se vi va. C’è anche un secondo motivo, più egoistico. Tra un mesetto, giorno più giorno meno, uscirà il mio primo romanzo e come immaginate, oltre ad essere elettrizzata, mi sto dando parecchio da fare per pubblicizzarlo al meglio. Anche per questo mi è venuto in mente di sentire le vostre opinioni, capire come voi lettori scegliete e vivete con i libri. Chiamiamolo una specie di sondaggio per una buona causa :).

E ora a voi la parola, spero! Grazie della vostra attenzione e presenza continua.

relaxation-3359535__340